Ferrari 375 Plus 4 Winner Le 1954 J.F.Gonzales / M. Trintignant 1:43 Model Mans ntjtun357-Modellini statici di auto da corsa

KURT BUSCH 2 2009 MILLER LITE TEXAS WIN AUTOGRAPHED 1/24
SIGNED 2018 DALE EARNHARDT JR 88 HELLMANNS AUTOGRAPHED 1:24 DIN 00110 Preparazione Concorsi Carabinieri

Hołowczyc SUBARU IMPREZA WRC Rally RALLY 2000 1:43

I ricercatori della Fondazione Veronesi
2019

SPARK sg362-BMW m6 gt3 Schnitzer n. 42 24 H NURBURGRING 2017 Wittmann 1:43

Akihiro Maeda

STERLING MARTIN 1998 40 MONTE 4 CAR SET 2 1/24 2 1/64 RACE COLORS & oro

La ricerca in numeri

Bburago 1:18 Formula F1 Mercedes AMG Nico Rosberg Racing Model Nuovo Le borse di studio che sosteniamo

Newsletter

VOLKSWAGEN VW POLO R WRC 2 4th Tour de Corse 2016 Latvala, Anttila 1:18 IXO Iscriviti alla Newsletter

I tool della salute

CHEVROLET CORVETTE Le Mans 1972 Auto Modello in RESINA S5075

AREA DOWNLOAD

1:43 FERRARI 156 60 R. Rodriguez 1961 MONZA GP MODELCAR handbuilt in Showcase
MERCEDES Benz 450 SLC 5.0 RALLY Africa Safari 1979 14 Mikkola Minichamps 1:43
PORSCHE 917k 31 6h Watkins Glen 1970 Elford/Hulme 1:18 Norev NUOVO & OVP 187583
Matra DJET 5S 236 Gavin-Leguelec Rallye Monte Carlo 1966 Bizarre 1:43/BZ309

Maura Massimino per Gold for Kids

2001 Dale Earnhardt, Sr 3 GMGWSP 1:24 RCCA ELITE METAL LAST RIDE Chevy 7443/7500

Da non perdere

JM2126219 Rio 4266 FIAT 501 TORPEDO 1919-26 verde 1/43
Minichamps Sebastian Vettel Winner Monaco GP Reb Bull Racing RB7 Limited Edition Diabete di tipo 1: un farmaco «ritarda» l'arrivo della malattia

Diabete di tipo 1: un farmaco «ritarda» l'arrivo della malattia

Jeff Gordon Pepsi Billion Dollar - 2003 1:24 - Brookfield Set Crew Cab & Trailer

Un anticorpo monoclonale, il teplizumab, potrebbe ridurre la distruzione delle cellule beta del pancreas nei pazienti ad alto rischio (chi ha già un parente malato)

12-06-2019
1:43 Minardi m01 1999 L. Badoer European GP Tameo handbuilt MODELCAR in vetrina «Tumorial», la serie di video che spiega il cancro ai ragazzi

«Tumorial», la serie di video che spiega il cancro ai ragazzi

Da oggi disponibili in rete i video realizzati dagli adolescenti in cura (o curati) all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano per rispondere ai dubbi dei coetanei che si ammalano di cancro

10-06-2019
Jaguar XJR-9 3 Pescarolo-Watson-Boesel Le Mans 1988 Spark 1:43 / S4718

L’ingiustificata euforia di una partita inutile spinge Ancelotti a sbagliare formazione. Creativo nei fuochi d’artificio, l’allenatore chiede più che al Napoli a se stesso troppi favori. Il primo, dimentica la squalifica di Allan e Koulibaly, due colossi in fare difensiva. Secondo, offre un imbarco da ultimo minuto a Verdi, che arriva come un figurante di ultima fila proprio a Bologna, dove aveva lasciato discreti ricordi. Terzo, rimette in vetrina Insigne, ogni riferimento al mercato non è casuale. Ancelotti è uomo di coraggio, e ora ne trova ancora di più. Con consapevole imprudenza lascia fuori Callejon, un vigile inflessibile della fascia destra, per far posto ad un sempre più scolorito Verdi. Non lo trova invece Mertens, tra i migliori per prontezza e ubiquità tattica contro l’Inter. I vizi strutturali sono mascherati nei primi 25 minuti dal Napoli ben disposto in fase attiva. Crea molto, tira spesso, sbaglia troppo. Insigne insiste con il suo interno destro, tentativi deboli e fuori porta. Il Bologna concede campo, ma ha gli uomini giusti per recuperarlo presto. Pulgar e Dzemail spingono e marcano. Sono i due mediani del 4-2-3-1. Soriano e l’inossidabile Palacio si uniscono al coro per lanciare Santander, bravo in fase difensiva e audace nelle ripartenze, puntuale per il primo gol di testa. Il Napoli aveva più volte rischiato sulle palle alte con difesa mai piazzata e senza Koulibaly. Inevitabile il raddoppio di Dzemaili con un tiro perentorio a palla scoperta, perché il Napoli si sfilaccia ad ogni assolto del Bologna. Ancelotti si pente della sua incauta generosità con Verdi e Insigne. Sono i primi che elimina. Perché impalpabili in avanti e assenti in fase difensiva. Verdi non è Callejon, come Insigne non vale l’ultimo Mertens. Di più: Luperto non è Koulibaly, Albiol perde nel gioco alto, Zielinski non è Allan, Younes si incarta con la palla finché non trova a chi darla, solo Fabian Ruiz dà qualche lampo di genio, per emergere nella ripresa, prova ad essere l’anima di una più equilibrata. Callejon attiva il suo settore, sull’altro versante Ghoulam si candida per una grande stagione, non è un caso che segni lui il primo gol. Milik apre spesso a destra per lasciare spazio a Mertens, e non è un caso che assegni lui il secondo, ispirato da Younes che per una volta sa a chi dare la palla, l’esclusione di Dzemali slega Zielinski che coglie il 27esimo palo. Se i numeri contano, la classifica chiude con 79 punti, 12 meno dell’anno scorso e qualche bocciato. Un nome: Verdi. Ma Insigne e Milik sono a malapena rimandati.

Revell NASCAR Dale Earnhardt Olympic Games Train Set B20
Condividi:
PORSCHE 911 996 gt3 R Le Mans 2000 Perspective Perrier Ricci Baza 79 SPARK 1:43  
Autoart 1/43 Chevrolet corvette SS 1957 Indianapolis con box 509783

News dalla Fondazione

1:24 ACTION 2007 17 CARHARTT ROUSH RACING FORD FUSION COT MATT KENSETH MIB
DALE EARNHARDT JR. car lot of 3
2-car SET rosso BULL RACING rb7 constructor World Champion 2011 1:43 Minichamps 10-06-2019

Aperto il bando per i finanziamenti alla ricerca 2020

SPARK Porsche 956 Rothmans 3 Winner Le Mans 1983 Holbert – Haywood 43LM83 1/43
1:43 SHELL HELIX RACING FORD AU FALCON QUEENSLAND 500 JOHNSON/J Biante B430101L
Aston Martin Vantage v8 gt4 24h ADAC NURBURGRING 2010 Bratke 1:43 Minichamps 28-05-2019

«Dona le tue rughe»: la campagna a sostegno delle donne col cancro

1/43 Minichamps PORSCHE 962 IMSA 24h Daytona Andretti 1964 400846501 28-05-2019

Fondazione Umberto Veronesi al Festival della fantascienza